Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sale l'incidenza delle sindromi simil-influenzali, prevalgono i Rhinovirus

Sale l'incidenza delle sindromi simil-influenzali, prevalgono i Rhinovirus

Sorveglianza RespiVirNet dell'Iss, più colpiti i bambini sotto i 5 anni

ROMA, 01 dicembre 2023, 17:31

Redazione ANSA

ANSACheck

Iss, cresce l 'incidenza delle sindromi simil-influenzali - RIPRODUZIONE RISERVATA

Iss, cresce l 'incidenza delle sindromi simil-influenzali - RIPRODUZIONE RISERVATA
Iss, cresce l 'incidenza delle sindromi simil-influenzali - RIPRODUZIONE RISERVATA

Sale, come atteso con l'avanzare della stagione fredda, l'incidenza delle sindromi simil-influenzali in Italia, che nell'ultima settimana si attesta a 9,2 casi per mille assistiti (contro 7,9 nello scorso bollettino), con una prevalenza di Rhinovirus e una percentuale ancora piccola di virus influenzali veri e propri. Lo affermano i bollettini della sorveglianza RespiVirNet pubblicati oggi dall'Istituto superiore di Sanità.
    Per quanto riguarda la sorveglianza epidemiologica, nella 47° settimana del 2023 sale l'incidenza dei casi di sindromi simil-influenzali pari a 9,2 casi per mille assistiti (7,9 nella settimana precedente) e a tale aumento concorrono diversi virus respiratori. L'incidenza cresce in tutte le fasce di età, ma risultano maggiormente colpiti i bambini sotto i cinque anni in cui l'incidenza è pari a 17,9 casi per mille assistiti (15,9 nella settimana precedente). La scorsa stagione in questa stessa settimana l'incidenza di ILI nei bambini sotto i cinque anni era pari a 40,0 casi mille assistiti.
    Tutte le Regioni, tra quelle che hanno attivato la sorveglianza, registrano un livello di incidenza delle sindromi simil-influenzali sopra la soglia basale, tranne il Molise. In Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia-Romagna e Abruzzo, è stata raggiunta la soglia di intensità media dell'incidenza.
    Durante la seconda settimana di sorveglianza virologica, la circolazione dei virus influenzali si mantiene a bassi livelli, sebbene in lieve aumento rispetto alla settimana precedente. Su 994 campioni clinici ricevuti dai diversi laboratori afferenti alla rete RespiVirNet, 41 (4,1%) sono risultati positivi al virus influenzale, 39 di tipo A (27 di sottotipo H1N1pdm09, 3 H3N2 e 9 A non ancora sottotipizzati) e 2 di tipo B.
    Tra i campioni analizzati, 129 (13%) sono risultati positivi per SARS-CoV-2, 33 (3,3%) per RSV e i rimanenti 152 sono risultati positivi per altri virus respiratori, di cui: 126 Rhinovirus, 10 Adenovirus, 7 virus Parainfluenzali, 6 Coronavirus umani diversi da SARS-CoV-2, 2 Metapneumovirus e 1 Bocavirus.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza