Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Dolore bimbi spesso sottovalutato, ma va gestito bene

Dolore bimbi spesso sottovalutato, ma va gestito bene

8 italiani su 10 ignorano possa essere stesso dolore dei grandi

ROMA, 04 ottobre 2023, 10:56

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una "bua" non sempre viene considerata vero e proprio dolore. Otto italiani su 10 ignorano che i bambini possono provare lo stesso dolore dei grandi e più di 1 su 4 pensa che la sofferenza sia un'esclusiva degli adulti.
    Lo evidenzia un'indagine su 1000 persone condotta da AstraRicerche per Zambon Italia. L'indagine sottolinea inoltre che quasi 4 adulti su 10 lamentano un dolore costante - almeno 1 volta a settimana - e si tratta in circa 7 casi su 10 di un malessere talmente forte da impedire di lavorare (45%), pensare (38%) e muoversi (34%). Gli esperti lanciano un appello per riconoscere e gestire in maniera consapevole il dolore dei più piccoli. "È un dolore da non sottovalutare da un lato perché i bambini possono avere difficoltà a spiegare l'entità e la tipologia del malessere, dall'altro perché gli adulti possono farsi prendere dal panico e agire in modo irrazionale. In questo senso - afferma Gianvincenzo Zuccotti, Direttore del Dipartimento di Pediatria dell'Ospedale dei bambini - Buzzi di Milano- è opportuno, se la situazione lo richiede, anche poter intervenire con farmaci specifici adatti all'età".
    Stanchezza e poco sonno (37%), troppo tempo davanti a tv e schermi (25%), infortuni durante l'attività fisica (24%) sono considerate le principali cause del dolore dei bambini. Inoltre, gli italiani guardano con sospetto anche smartphone (23%) e social media (18%), che considerano fonte di dolore quasi esclusivamente per i più piccoli. Di fronte alla sofferenza dei bambini il sentimento prevalente è il dispiacere (40%), ma non di rado prendono il sopravvento anche ansia e preoccupazione (38%). "Quando il dolore colpisce gli adulti si ricorre a un antidolorifico e raramente si consulta il medico-aggiunge Zuccotti- mentre quando il dolore investe i più piccoli la prima mossa è parlare con il pediatra: lo fa circa 1 su 3 quando il bambino è fra 6 e gli 11 anni. È una scelta confortante".
    Parlando invece di dolore negli adulti, la "vittima" privilegiata è donna, ha tra i 35 e 44 anni, convive con il partner e con il mal di schiena in una città medio-piccola. E se il mal di schiena è il malessere più frequente nel nostro Paese - con il 37% degli italiani costretto ad affrontarlo settimanalmente- è il mal di testa che ha un maggiore impatto sulla quotidianità.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza