Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'apprendimento del linguaggio inizia nel grembo materno

L'apprendimento del linguaggio inizia nel grembo materno

Alla nascita il cervello è già 'sintonizzato' sulla lingua madre

05 dicembre 2023, 09:33

Elisa Buson

ANSACheck

L 'apprendimento del linguaggio inizia nel grembo materno (fonte: Pixabay) - RIPRODUZIONE RISERVATA

L 'apprendimento del linguaggio inizia nel grembo materno (fonte: Pixabay) - RIPRODUZIONE RISERVATA
L 'apprendimento del linguaggio inizia nel grembo materno (fonte: Pixabay) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Parlare al pancione durante la gravidanza modella il cervello del nascituro, tanto da renderlo capace fin dai primissimi giorni di vita di riconoscere e reagire diversamente alla propria lingua madre. Lo dimostra uno studio dell'Università di Padova pubblicato sulla rivista Science Advances. I ricercatori hanno preso in esame 33 bambini nati da meno di cinque giorni da madri francofone e hanno fatto ascoltare loro una fiaba (Riccioli d'oro e i tre orsi) in francese, inglese e spagnolo. Dai risultati dell'elettroencefalogramma è emerso che il loro cervello è già 'sintonizzato' sulla lingua materna: il suo ascolto scatena infatti un'attività neuronale più complessa che conserva una memoria delle risposte neuronali date in passato.

"Questo fatto - spiega Judit Gervain del Dipartimento di Psicologia dello sviluppo e della socializzazione dell'Università di Padova - indica che nel cervello dei neonati, l'esposizione alla lingua materna innesca processi cerebrali di natura complessa, dinamiche neuronali che probabilmente sono associate all'elaborazione e apprendimento della lingua. Questi processi sono molto meno forti quando i neonati sentono un'altra lingua, e possiamo concludere che siano stati generati ed evoluti durante lo sviluppo prenatale".

In altre parole, il cervello del neonato sembra essere strutturato per ricordare e rispondere in modo diverso alla lingua che ha ascoltato già prima della nascita e questa maggiore risposta indica una sorta di 'privilegio' linguistico che modella le prime fasi dell'apprendimento del linguaggio. "Si tratta di una rivelazione - conclude la professoressa Gervain - che mette in luce la straordinaria capacità di adattamento del cervello, soprattutto in relazione con la grande complessità del linguaggio umano".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza