Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Una placenta in miniatura per studiare la gestosi

Una placenta in miniatura per studiare la gestosi

E' un organoide, aiuterà a capire i problemi della gravidanza

03 febbraio 2024, 15:10

di Leonardo De Cosmo

ANSACheck

L 'organoide della placenta (fonte: redits: FMI/University of Cambridge) - RIPRODUZIONE RISERVATA

L 'organoide della placenta (fonte: redits: FMI/University of Cambridge) -     RIPRODUZIONE RISERVATA
L 'organoide della placenta (fonte: redits: FMI/University of Cambridge) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Costruita una placenta in miniatura utilizzando cellule staminali: è un organoide che potra' aiutare a capire alcune dei problemi che possono svilupparsi durante la gravidanza, come la preeclampsia nota anche come gestosi. Descritto sulla rivista Cell Stem Cell, il mini-organo in 3D e' stato ottenuto dal gruppo di Ashley Moffett, dell'Universita' di Cambridge.

Il successo di una gravidanza dipende spesso dallo sviluppo della placenta durante le prime settimane di gestazione, una fase in cui la placenta che un ruolo di connessione tra la madre e il feto deve impiantarsi correttamente all'utero materno. "Si tratta di un processo incredibilmente difficile da studiare - ha detto Moffett - tanto che il periodo successivo all'impianto, quando la placenta si inserisce nell'endometrio, viene spesso descritto come una scatola nera dello sviluppo umano".

Proprio per capire che cosa avviene in queste fasi, i ricercatori hanno ricreato in laboratorio una replica quasi perfetta della placenta, a partire da tessuto placentare, tanto che si registra una risposta positiva in un test di gravidanza da banco. Il nuovo modello, definito anche come organoidi del trofoblasto, ha permesso di analizzare con grande dettaglio tutto quel che avviene in occasione dell'impianto, una sorta di invasione dovuta a un'agente esterno, in questo caso il feto, in cui e' cruciale il ruolo svolto anche dal sistema immunitario che non deve impedire quella che puo' sembrare un'aggressione esterna.

"Questa e' l'unica situazione in cui una cellula normale invade e trasforma un'arteria, e queste cellule provengono da un altro individuo, il bambino", ha detto Moffett. Un'azione resa possibile, hanno scoperto i ricercatori, anche grazie alla partecipazione di alcuni geni che regolano il flusso sanguigno e che avrebbero un ruolo nella preeclampsia. "Le donne di solito presentano la preeclampsia alla fine della gravidanza, ma per capirla davvero - ha aggiunto Moffett - per prevederla e prevenirla, dobbiamo osservare cosa accade nelle prime settimane. Utilizzando le 'mini-placente', possiamo fare proprio questo, fornendo indizi su come e perche' si verifica la preeclampsia".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza