Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il cuore umano su chip per studiare la tossicità dei farmaci

Il cuore umano su chip per studiare la tossicità dei farmaci

Utile per ridurre i test sugli animali

05 febbraio 2024, 16:48

di Elisa Buson

ANSACheck

Cuore umano su chip per studiare la tossicità dei farmaci. fonte: adventtr, iStock - RIPRODUZIONE RISERVATA

Cuore umano su chip per studiare la tossicità dei farmaci. fonte: adventtr, iStock -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Cuore umano su chip per studiare la tossicità dei farmaci. fonte: adventtr, iStock - RIPRODUZIONE RISERVATA

Sviluppata una versione in miniatura del cuore umano su chip che potrà essere usata come piattaforma sperimentale per studiare gli effetti cardiotossici dei farmaci al posto degli animali da laboratorio. Il risultato è pubblicato sulla rivista Lab on a Chip, della Royal Society of Chemistry, dai ricercatori del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles.

Il nuovo cuore umano su chip, capace di riprodurre circa 60 battiti al minuto, è stato realizzato partendo da cellule staminali pluripotenti indotte, che sono state fatte differenziare in cellule del tessuto cardiaco (cardiomiociti) e dei vasi sanguigni (cellule endoteliali), poi deposte sopra un materiale siliconico flessibile chiamato polidimetilsilossano. La peculiarità principale del chip è data dalla presenza di due canali paralleli che permettono a cardiomiociti e cellule endoteliali di stare separate come nel corpo umano pur rimanendo abbastanza vicine per interagire.

Simulando il flusso del sangue e i movimenti meccanici del cuore in risposta alla somministrazione di farmaci, questa piattaforma permette di prevedere la loro tossicità, che può determinare aritmie o addirittura la morte delle cellule del muscolo cardiaco. Gli effetti possono essere monitorati anche nel lungo termine, dato che il cuore su chip rimane funzionante per diverse settimane.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza