Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pronti i test genetici per 10 malattie complesse

Pronti i test genetici per 10 malattie complesse

Novelli: 'sono probabilistici, vanno evitate iniezioni di ansia'

20 febbraio 2024, 08:43

di Enrica Battifoglia

ANSACheck

Pronti i primi test genetici per calcolare la probabilità di malattie causate da più geni (fonte: Veronika Oliinyk, iStock) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Pronti i primi test genetici per calcolare la probabilità di malattie causate da più geni (fonte: Veronika Oliinyk, iStock) -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Pronti i primi test genetici per calcolare la probabilità di malattie causate da più geni (fonte: Veronika Oliinyk, iStock) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Finora hanno aiutato a calcolare il rischio di malattie causate da un singolo gene, per esempio delle circa 8mila malattie rare finora note, ma ora i test genetici si preparano a un passo in avanti, il più difficile e ambizioso: calcolare la probabilità di avere una malattia complessa, ossia causata da un grande numero di geni, come il diabete di tipo 2 frutto dell'azione di ben 700 geni o l'aterosclerosi, nella quale i geni implicati sono 350. Sono dieci le malattie complesse per le quali sono pronti alla sperimentazione clinica altrettanti test. Descritto sulla rivista Nature Medicine, il risultato si deve al Broad Institute al quale fanno capo Massachusetts Institute of Technology e Università di Harvard. E' uno dei cinque grandi studi appena pubblicati dal progetto 'All of Us'.

"Speriamo che in futuro questo tipo di informazione possa essere utilizzata nella medicina preventiva per aiutare le persone ad assumere stili di vita in grado di ridurre il rischio di malattie", osserva il primo autore della ricerca, Niall Lennon, responsabile scientifico dei Broad Clinical Labs.

Con il diabete di tipo 2, i test riguardano malattie molto comuni come il diabete di tipo 1, fibrillazione atriale, i tumore di seno e prostata, la malattia renale cronica e quella delle coronarie, ipercolesterolemia, asma e obesità. "Tutte insieme, sono responsabili del 92% dei decessi nel mondo", osserva il genetista Giuseppe Novelli, direttore del Laboratorio di Genetica medica del Policlinico di Tor Vergata. "Sono malattie complesse e multifattoriali, dovute cioè - prosegue - all'azione combinata di più geni e all'interazione di questi con l'ambiente. Da molti anni avevamo gli strumenti per mapparle e studiarle, ma mancava qualcosa".

L'elemento mancante è stato trovato adesso grazie al progetto 'All of Us' che, portando alla luce i genomi di minoranze etniche, persone in povertà e anziane, ha ampliato la base di riferimento sulla quale calcolare il rischio. "Finora i database genetici sono quasi tutti europei - osserva Novelli - e le piccole popolazioni non sono presenti. Gli autori della ricerca, interessante e che va verso strumenti di genomica integrata, hanno pensato di colmare il vuoto calcolando la familiarità. Hanno integrato così il dato probabilistico con l'ancestralità, ossia con l'origine etnica di provenienza in cui i fattori sono più presenti".

Il risultato è una sommatoria algebrica chiamata 'calcolo di rischio poligenico': un numero che grazie ai dati etnici acquista uno spessore maggiore, anche se "i test non sono diagnostici ma probabilistici". La scommessa, per il genetista, è comunicare questi numeri correttamente, "evitando iniezioni ansia". E' quanto si propone di fare, in Italia, il programma di Medicina predittiva e di precisione partito in questi giorni al Policlinico di Tor Vergata.

Quanto la strada possa ancora essere lunga, però, lo indicano anche i nuovi dati raccolti dal gruppo di Novelli e in via di pubblicazione, secondo i quali "anche nelle malattie complesse ci sono i cigni neri, ossia varianti rare capaci di fare la differenza".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza