Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A rischio il cervello dei calciatori, i colpi di testa lo danneggiano

A rischio il cervello dei calciatori, i colpi di testa lo danneggiano

Portano a modifiche nella struttura e al calo di alcune funzioni

28 novembre 2023, 12:21

di Benedetta Bianco

ANSACheck

Nel lungo termine, troppi colpi di testa portano a modifiche nella microstruttura del cervello e al calo di alcune funzioni (fonte: unsplash) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Nel lungo termine, troppi colpi di testa portano a modifiche nella microstruttura del cervello e al calo di alcune funzioni (fonte: unsplash) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Nel lungo termine, troppi colpi di testa portano a modifiche nella microstruttura del cervello e al calo di alcune funzioni (fonte: unsplash) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il cervello dei calciatori che colpiscono spesso il pallone di testa è a rischio: nel lungo termine, troppi colpi di questo tipo portano a modifiche nella microstruttura e al calo di alcune funzioni, soprattutto quelle legate all’apprendimento verbale, cioè quello che passa per la lettura e la scrittura. Lo affermano due studi presentati questa settimana all’incontro annuale della Società Radiologica del Nord America, in programma a Chicago, e guidati dall’americana Columbia University. Secondo i ricercatori, questi cambiamenti, in particolare se si verificano in giovane età, potrebbero aumentare il rischio di arrivare a neurodegenerazione e demenza più avanti, nel corso della vita.

Il primo studio ha seguito 148 calciatori dilettanti con un’età media di 27 anni, valutando per la prima volta i cambiamenti cerebrali in un arco di tempo di due anni. I giocatori che hanno effettuato più colpi di testa, più di 1.500 in due anni, hanno mostrato modifiche in diverse aree profonde del cervello: “La nostra analisi – spiega Michael Lipton, che ha coordinato i ricercatori – ha rilevato che livelli elevati di colpi di testa sono associati a cambiamenti nella microstruttura del cervello simili a quelli osservati nelle lesioni cerebrali traumatiche lievi, ma anche a prestazioni inferiori nel campo dell’apprendimento verbale”.

Il secondo studio ha reclutato per un anno 353 calciatori dilettanti, focalizzandosi però sul confine tra materia bianca e materia grigia nelle aree del cervello più superficiali, e quindi più a rischio di lesione. In questo caso, gli autori dello studio hanno scoperto che i ripetuti colpi di testa modificano il confine normalmente molto netto tra materia bianca e materia grigia, rendendolo più sfumato e confuso: una caratteristica che si ritrova in molti disturbi cerebrali e che influenza negativamente le prestazioni cognitive.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza