Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Quattro italiane tra le 100 scienziate migliori al mondo

Quattro italiane tra le 100 scienziate migliori al mondo

Nella classifica 2023 di Research.com

30 novembre 2023, 13:19

Elisa Buson

ANSACheck

Da sinistra in alto: Eva Negri e Speranza Falciano; da sinistra in basso: Silvia Priori, Silvia Franceschi (fonte: Research.com) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Da sinistra in alto: Eva Negri e Speranza Falciano; da sinistra in basso: Silvia Priori, Silvia Franceschi (fonte: Research.com) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Da sinistra in alto: Eva Negri e Speranza Falciano; da sinistra in basso: Silvia Priori, Silvia Franceschi (fonte: Research.com) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Ci sono quattro italiane tra le prime 100 scienziate al mondo secondo la classifica 2023 stilata dalla piattaforma accademica Research.com sulla base del numero di pubblicazioni e citazioni ricevute: al 20esimo posto c'è l'esperta di epidemiologia oncologica Silvia Franceschi, direttrice scientifica del Cro di Aviano; al 62esimo posto la fisica Speranza Falciano, dirigente di ricerca Infn; al 70esimo posto l'epidemiologa Eva Negri, docente all'Università di Bologna; all'85esimo posto Silvia Priori, docente di cardiologia all'Università di Pavia.

In testa alla classifica mondiale si è piazzata la statunitense JoAnn E. Manson della Harvard Medical School, nota per le sue ricerche pionieristiche nei campi dell'epidemiologia e della salute delle donne. Nel complesso, gli Stati Uniti dominano la classifica con 623 studiose tra le top 1.000; seguono il Regno Unito, con 96 scienziate, e la Germania con 37 classificate.
L’Università di Harvard è la prima istituzione con 40 scienziate incluse nella classifica, seguita dai National Institutes of Health (33) e l'Università di Stanford (27).
Le migliori scienziate al mondo si occupano prevalentemente di medicina (46,8%), fisica (10,8%), immunologia, biologia e biochimica (4,4%), genetica medica (4,2%) e psicologia (4,1%).

Il rapporto pubblicato da Research.com evidenzia anche le difficoltà che le donne incontrano in un mondo scientifico ancora dominato dagli uomini. Rispetto ai loro coetanei maschi, le donne hanno meno probabilità di essere nominate su un brevetto o un articolo, e i loro contributi sono spesso non riconosciuti: le ricercatrici hanno una probabilità di ottenere un'attribuzione pari al 15% rispetto al 21% degli uomini. Per quanto riguarda i finanziamenti, le donne ricevono in media circa 342.000 dollari rispetto ai 659.000 dollari degli uomini.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza