Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La Luna minacciata dalla corsa ai minerali, l'appello degli astronomi

La Luna minacciata dalla corsa ai minerali, l'appello degli astronomi

Le attività minerarie alla ricerca di elementi rari potrebero distruggere luoghi unici

01 dicembre 2023, 12:27

Benedetta Bianco

ANSACheck

La corsa alla Luna minaccia molti siti di grande interesse scientifico, come i crateri che si trovano sul lato nascosto (fonte: NASA/JPL) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La corsa alla Luna minaccia molti siti di grande interesse scientifico, come i crateri che si trovano sul lato nascosto (fonte: NASA/JPL) - RIPRODUZIONE RISERVATA
La corsa alla Luna minaccia molti siti di grande interesse scientifico, come i crateri che si trovano sul lato nascosto (fonte: NASA/JPL) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Interessi scientifici e commerciali rischiano di scontrarsi anche su un terreno molto distante, quello della Luna. La corsa all’estrazione di minerali e altre risorse, che è tra gli obiettivi di tante missioni future dirette sul nostro satellite, minaccia infatti molti siti di grande interesse scientifico, come i crateri ricchi di ghiaccio che si trovano sul lato nascosto della Luna. In un articolo pubblicato sulla rivista Science, gli astronomi lanciano dunque un appello: è urgente stabilire delle regole per lo sfruttamento del suolo lunare, in vista dei tanti veicoli di aziende private che presto vi sbarcheranno, e del ritorno dell’uomo sul satellite della Terra grazie al programma Artemis della Nasa.

I ricercatori temono che le attività minerarie alla ricerca di elementi rari possano minacciare luoghi unici. Alcuni crateri sul lato nascosto, ad esempio, si trovano permanentemente al di sotto di 225 gradi, fatto che li rende i luoghi più freddi dell’intero Sistema Solare, e contengono grandi riserve di ghiaccio forse accumulate nel corso di migliaia di anni grazie agli impatti con gli asteroidi. Si tratterebbe, dunque, di un’inestimabile testimonianza dell’arrivo dell’acqua anche sulla Terra. Inoltre, questi crateri sarebbero i luoghi ideali per grandi telescopi a infrarossi, che necessitano di freddo estremo per il loro funzionamento.

Ma questi crateri, e l’acqua contenuta al loro interno, saranno anche un obiettivo primario per le future basi lunari: oltre a fornire acqua potabile, infatti, il ghiaccio potrebbe essere scomposto in ossigeno, per i supporti vitali, e idrogeno, usato come propellente per i razzi. In più, l’attività mineraria causerebbe vibrazioni che potrebbero coprire i segnali delle onde gravitazionali, e solleverebbero polvere che andrebbe a depositarsi sugli specchi dei telescopi.

Gli astronomi sono ansiosi di proteggere anche la zona centrale della faccia nascosta della Luna, che risulta protetta dal grande ‘rumore’ delle onde radio emesse dalla Terra. Per questa sua preziosissima caratteristica, quest’area potrebbe ospitare enormi parabole radio e schiere di antenne larghe centinaia di chilometri, destinate a intercettare il debole sibilo prodotto dal gas idrogeno che riempiva l’universo prima che si accendessero le prime stelle. Ma il‘silenzio radio di questa zona è già minacciato: molte agenzie spaziali e aziende private stanno progettando flotte di satelliti in orbita lunare, che dovranno aiutare i rover a navigare sulla superficie e a trasmettere i loro dati alla Terra. Anche se i satelliti adottassero contromisure, come spegnersi mentre sorvolano i telescopi, gli strumenti elettronici presenti a bordo potrebbero comunque emettere segnali indesiderati.

Tutti i ricercatori, o quasi, considerano il ritorno sulla Luna come una grande opportunità, ma molti sottolineano che gli attuali trattati non forniscono sufficienti garanzie. Ad esempio, il Trattato sullo Spazio del 1967 impedisce alle nazioni di avanzare rivendicazioni territoriali sui corpi celesti, ma dice poco sulle attività di estrazione mineraria, e lo Space Act del 2015 consente esplicitamente alle aziende statunitensi di estrarre risorse per trarne profitto. Anche gli Accordi Artemis della Nasa, linee guida per l’esplorazione firmate da altri 31 Paesi, forniscono protezione ai siti storici come quelli di atterraggio delle missioni Apollo, e si impegnano per un ambiente sostenibile nello spazio, ma non proteggono esplicitamente le aree di valore scientifico.

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza