Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In mostra al Met le donne che vestono le donne

In mostra al Met le donne che vestono le donne

A New York la creatività di stiliste leggendarie

NEW YORK, 04 dicembre 2023, 18:34

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Gina Di Meo) Vestire le donne è stato uno dei privilegi maschili fino a un'epoca non tanto remota. Solo nel 19/o secolo, con l'abolizione delle corporazioni delle arti e mestieri, le stiliste furono in grado di uscire dall'anonimato e diventare imprenditrici della moda. Il Metropolitan Museum di New York dedica a quelle pioniere e a coloro che ne hanno seguito le tracce Women Dressing Women (Le donne che vestono le donne), la mostra del Costume Institute aperta dal 7 dicembre al 3 marzo 2024 che celebra la creatività e la legacy artistica di stiliste le cui creazioni sono rappresentate nella collezione permanente del museo. Curata dal responsabile del Costume Institute Andrew Bolton in collaborazione con Mellissa Huber, Wendy Yu e Karen Van Godtsenhoven, Women Dressing Women è divisa in quattro aree tematiche, 'Anonimato, visibilità, rappresentanza, assenza/omissione' e con circa 80 capi di oltre 70 stiliste segue la traiettoria di case di moda guidate da donne dai primi del Novecento all'epoca attuale: tra queste Rei Kawakubo di Comme des Garçons, Adè le Henriette Nigrin Fortuny, Gabriela Hearst, Ann Lowe, Claire McCardell, Pia Davis e Autumn Randolph di No Sesso, Miuccia Prada, Madeleine Vionnet, Vivienne Westwood, Elsa Schiaparelli. "All'inizio - spiega all'ANSA il direttore del Met Museum, Max Hollein - solo gli uomini avevano il privilegio di creare abiti per le donne. Le donne lavoravano nel settore, ma principalmente come sarte. Solo successivamente, con l'abolizione delle corporazioni, riuscirono a muovere i primi passi da designer e a creare opportunità imprenditoriali". Non a caso la mostra esplora anche i modi in cui l'industria della moda ha agito come potente veicolo per l'autonomia sociale, finanziaria e creativa delle donne.
    Il punto di partenza è il ruolo della sarta anonima, l'antenata collettiva delle stiliste di oggi che danno il loro nome a case di moda, passando dall'olimpo delle designer che hanno lavorato a Parigi, centro storico dell'industria dell'alta moda. Infine si mettono in risalto le storie di assenza o omissione attraverso creazioni di stiliste solo di recente salite alla ribalta, come l'afro-americana Ann Lowe, che disegnò l'abito da sposa di Jacqueline Bouvier con John F. Kennedy.
    Alla mostra è legato il catalogo 'Women Dressing: WomenA Lineage of Female Fashion Design' di Mellissa Huber e Karen Van Godtsenhoven.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza