Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Souvenirs de Babel' nella Biblioteca Apostolica Vaticana

'Souvenirs de Babel' nella Biblioteca Apostolica Vaticana

Il percorso immersivo di Alain Fleischer tra fotografie e libri

CITTÀ DEL VATICANO, 01 marzo 2024, 15:42

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

La Sala Espositiva Permanente della Biblioteca Apostolica Vaticana ospita la quinta mostra dedicata al dialogo tra il patrimonio storico della Biblioteca e l'arte contemporanea: 'Souvenirs de Babel', fino al 22 giugno, rappresentata dall'opera del francese Alain Fleischer. L'artista ha realizzato un percorso immersivo, in questa babele di lingue e di spazi, tra fotografie, installazioni e libri per far rivivere il passato in dialogo con il presente.
    Dopo essere stati accolti da una grande riproduzione della 'Torre di Babele', pubblicata da Athanasius Kircher nel 1679, si prosegue salendo lo scalone d'ingresso, dove ci si immerge nella storia della Biblioteca grazie a un mosaico ricco di scatti provenienti dall'archivio della Biblioteca e dal fondo Raccolta Generale Fotografie. A queste si aggiungono quelle di altre raccolte, alternate a scatti inediti realizzati dall'artista.
    Sulla sommità dello scalone è possibile entrare nell'universo poetico di Fleischer attraverso una selezione delle più emblematiche opere della sua carriera, mentre altre, appositamente realizzate per questa occasione, sono esposte nelle sale successive, dove si accompagnano a un'ampia scelta di fotografie storiche della Biblioteca e a calchi di antiche steli arabe e cinesi. Il percorso espositivo si conclude nella sala dell'antica biblioteca Barberini, che ha ispirato all'artista un'installazione multimediale site specific di grande impatto emotivo. Nella sala, pur in assenza dei volumi fisici, tornano a farsi vedere e sentire le voci dei libri lì conservati per secoli.
    L'esposizione è un'occasione per soffermarsi sia sul valore della fotografia come espressione visuale della stratificazione storica di un'architettura, sia sulla necessità del riscoprirsi attraverso lo sguardo di attori esterni che possano interpretare e tramandare la coscienza di un luogo e del sapere senza tempo in esso custodito.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza