Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Uccise l'ex compagna a coltellate, si apre discussione in Aula

Uccise l'ex compagna a coltellate, si apre discussione in Aula

Cristina Peroni fu ammazzata a Rimini il 25 giugno 2022

RIMINI, 02 dicembre 2023, 17:38

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Si apre lunedì in Corte d'Assise, la discussione, (richiesta della pubblica accusa, arringa difensiva e sentenza), per il femminicidio di Cristina Peroni, 33 anni, di Roma uccisa il 25 giugno 2022 dal compagno Benedetto Vultaggio, 47enne di Rimini. L'uomo colpì la compagna, mentre teneva in braccio il figlio di pochi mesi, con quattordici colpi di mattarello sul capo e successivamente sferrandole 51 fendenti di coltello in varie parti del corpo.
    Tra i reati contestati dal pubblico ministero Luca Bertuzzi anche quello di maltrattamenti reiterati in famiglia. In precedenza, Vultaggio aveva più volte minacciato la compagna di morte puntandole una pistola alla testa, probabilmente una calibro 22 detenuta illegalmente.
    Il pm Bertuzzi ha voluto per l'uomo una consulenza psichiatrica che depositata agli atti non ravviserebbe alcuna patologia mentale. Una piena determinazione nell'uccidere, quindi, che per la pubblica accusa potrebbe portare ad una richiesta all'ergastolo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza