Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Flash mob con fango di ambientalisti davanti al Tribunale di Bologna

Flash mob con fango di ambientalisti davanti al Tribunale di Bologna

L'udienza per gli attivisti di Ultima Generazione è stata rinviata al 18 gennaio

BOLOGNA, 07 dicembre 2023, 12:37

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Oggetti di vita quotidiana (scarpe, pentole, mollette, mappe stradali) lasciati a terra e ricoperti di fango, davanti al Tribunale di Bologna, in via D'Azeglio, a simboleggiare i danni provocati dai cambiamenti climatici. E' il flash mob di protesta organizzato da una trentina di ambientalisti di Ultima Generazione, al termine dell'udienza per i tre attivisti - Ettore, Mida e Silvia - arrestati il 2 novembre per aver bloccato per circa un'ora la tangenziale. L'udienza di questa mattina è durata circa mezz'ora e poi il processo è stato rinviato per la discussione al 18 gennaio.
    I tre, difesi dagli avvocati Elia De Caro e Mimma Barbarello vennero fermati con le accuse di violenza privata aggravata, danneggiamento e interruzione di pubblico servizio aggravata, ma per quest'ultimo reato il giudice non convalidò l'arresto. Per due di loro venne stabilito il divieto di dimora a Bologna, mentre per il terzo l'obbligo di firma. Nel frattempo anche per gli altri due attivisti le misure sono state attenuate e trasformate in obbligo di firma.
    Questa mattina i legali dei tre imputati hanno chiesto il rito abbreviato e prodotto un video dell'azione in Tangenziale, per dimostrare le modalità non violente della protesta andata in scena il 2 novembre. Gli attivisti hanno poi rilasciato delle dichiarazioni spontanee, esprimendo la loro preoccupazione in merito ai problemi legati ai cambiamenti climatici che riguardano il pianeta, e che li ha spinti quindi a protestare in tangenziale, senza però mettere a rischio la loro incolumità e quella degli automobilisti.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza