Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In E-R il Covid è costato 140 milioni alle 5 maggiori città

In E-R il Covid è costato 140 milioni alle 5 maggiori città

Centro Studi Enti Locali, per i bolognesi un salasso da 179 euro a cittadino

BOLOGNA, 19 febbraio 2024, 13:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Tra maggiori spese e mancate entrate il Covid è costato oltre 69,4 milioni alle casse del Comune di Bologna, ma ha flagellato anche le altre grandi città emiliano-romagnole: per Modena il conto è di 20,1 milioni, per Parma di 20,5, per Ravenna di 13,8, per Reggio Emilia di 16,2. In totale, un salasso da 140 milioni per i cinque centri più grandi della regione. È quanto emerge da un'elaborazione di Centro Studi Enti Locali che riguarda i comuni italiani con più di 150mila abitanti e basata su dati del Mef.

A livello pro capite, i cittadini più tartassati sono stati i bolognesi con un costo di 179 euro ciascuno. Seguono i modenesi (109), i parmigiani (105), i reggiani (95) e i ravennati (89). Le risorse perse tra spese e mancate entrate sono state compensate dal governo attraverso il cosiddetto 'fondone' e la Ragioneria generale dello Stato sta tirando le somme per vedere chi abbia avuto più del dovuto (e debba quindi restituire le risorse eccedenti) e chi invece sia a credito e debba quindi ricevere ulteriori rimborsi. In generale i fondi compensativi assegnati dallo Stato per evitare la paralisi delle funzioni fondamentali sono stati congrui rispetto alle effettive necessità. Fra le poche eccezioni c'è Reggio Emilia, in deficit per poco meno di 2,4 milioni.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza