Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Google e Universal, accordo vicino per la musica generata da IA

Google e Universal, accordo vicino per la musica generata da IA

L'obiettivo è far creare brani con le voci di artisti famosi

MILANO, 21 agosto 2023, 09:41

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Google e Universal Music Group sarebbero sul punto di finalizzare un accordo che potrebbe cambiare il panorama della musica generata dall'intelligenza artificiale. Secondo alcune fonti del Financial Times, Google, una volta finalizzata la partnership, sarebbe pronta a rilasciare in via definitiva la sua piattaforma di IA che permetterebbe a chiunque di basarsi su brani e voci di artisti famosi per creare le proprie canzoni.

L'accordo, come sottolinea Forbes, consentirebbe ai detentori del copyright di ottenere ricavi per l'addestramento degli algoritmi con i brani licenziati, mentre gli artisti avrebbero la possibilità di aderire al progetto, eventualmente utilizzando i contenuti generati da IA per i loro lavori. Si tratta, soprattutto per Universal Music, di un cambio di passo netto rispetto al passato.

Ad aprile, il gruppo aveva inviato una lettera ai principali servizi di streaming per chiedere ai programmi di intelligenza artificiale di non allenarsi su testi e melodie protetti da copyright. Il consigliere generale della Universal Music, Jeffrey Harleston, durante un'udienza al Senato americano a giugno aveva dichiarato: "La voce di un artista è spesso la parte più preziosa del suo lavoro e del riconoscimento verso il pubblico".

Anche Warner Music, sempre secondo il Financial Times, starebbe trattando con Google una soluzione simile. Non a caso, l'amministratore delegato aveva parlato della possibilità di sviluppare software capaci di trarre ispirazione da musica già prodotta: "Questo porterebbe l'intelligenza artificiale a creare un nuovo livello di interazione tra artisti e fan". Ma non sono mancate le critiche: Drake, che è tra le punte di diamante della Universal Music, ha deciso di opporsi all'intelligenza artificiale a causa di una canzone ispirata alla sua voce e melodie, pubblicata su Spotify e rimossa poco dopo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza