Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Un libro riscrive la storia della baronessa di Carini

Un libro riscrive la storia della baronessa di Carini

Ammazzata non con un coltello ma con un'arma da fuoco

CARINI, 02 dicembre 2023, 20:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Due colpi da archibugio, una specie di fucile che si carica con pallettoni da otto millimetri, quindi un'arma non da taglio, ma da fuoco. Questo lo strumento usato per uccidere Laura Lanza e il suo presunto amante Ludovico Vernagalli. A riscrivere la storia della baronessa di Carini sono Vito Badalamenti e Aurelio Grasso, autori del libro "Lauria Elisabetta Joanna Lanza e il magnifico Ludovico Vernagalli", presentato oggi pomeriggio al Castello La Grua Talamanca dove è in corso Maricchia, il primo festival Uilt, dedicato alle donne.
    Un saggio al quale ha collaborato anche Santa Di Natale. La pubblicazione, presentata in occasione del 460esimo anniversario dell'omicidio della baronessa, è stata realizzata grazie a tanti documenti inediti, conservati nell'archivio di Simancas, in Spagna, in quello di Palermo e in altri ancora.
    "Il libro - raccontano gli autori - ci restituisce anche un nuovo ritratto di Ludovico Vernagallo, figlio di Alvaro, che a differenza di quanto si era detto fino ad oggi non sarebbe stato un donnaiolo, scapestrato ma un ricco primogenito, erede di tutto il patrimonio del padre".
    Dal saggio emerge inoltre che Laura era una donna istruita, forte, ritenuta competente e quindi in grado di gestire i suoi affari già da giovanissima. "Don Cesare - motivano Badalamenti e Grasso - non aveva figli maschi quindi lei, che era la figlia maggiore, viene cresciuta come un uomo".
    Il lavoro di studio inoltre ha portato anche ad una rivelazione.
    "Nella storia della baronessa di Carini entra in gioco un personaggio nuovo: Guglielmo Bonascontro, un avvocato che - concludono gli autori - lavorava per l'Inquisizione che, dopo la morte di Laura, viene investito dal regio Fisco come capitan giustiziere per indagare sull'omicidio della figlia primogenita di Cesare Lanza".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza