Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Giulia Cecchettin, il funerale martedì a Padova. Turetta: 'La volevo solo per me'

Giulia Cecchettin, il funerale martedì a Padova. Turetta: 'La volevo solo per me'

L'autopsia sul corpo della ragazza è durata 14 ore

PADOVA, 02 dicembre 2023, 20:35

Redazione ANSA

ANSACheck

Il murale dedicato a Giulia Cecchettin realizzato a Milano dell 'artista Fabio Ingrassia - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il murale dedicato a Giulia Cecchettin realizzato a Milano dell 'artista Fabio Ingrassia - RIPRODUZIONE RISERVATA
Il murale dedicato a Giulia Cecchettin realizzato a Milano dell 'artista Fabio Ingrassia - RIPRODUZIONE RISERVATA

L'ultimo saluto a Giulia Cecchettn verrà dato martedì 5 dicembre, alle ore 11, con la cerimonia funebre prevista nella Basilica di Santa Giustina. Lo si legge nelle epigrafi già affisse stamane a Vigonovo, il paese di Giulia.

Il nulla osta della Procura al rilascio della sala alla famiglia, dopo l'autopsia, è atteso in queste ore. Santa Giustina è una chiesa capace di ospitare migliaia di persone, affacciata su Prato della Valle, una piazza vastissima che permettere a molti di seguire la cerimonia, su maxi schermi, anche all'esterno della basilica.

 

Video Giulia, murale a Milano: 'Volevo solo scomparire in un abbraccio'

 

 



 

 



Turetta al pm: 'La volevo per me, omicidio terribile' (dell'inviato Igor Greganti)

L'"ossessione" del possesso dell'altra persona. Il tentativo di chiedere "perdono" per un "omicidio terribile", invocando la follia di un momento che annebbia la mente. Un racconto dettagliato, ma da verificare in tutti i passaggi, che sembra tendere, come possibile linea difensiva, anche ad insinuare qualche dubbio su una reale intenzione di uccidere. C'è tutto questo nel verbale di confessione di Filippo Turetta, che ieri per nove ore è rimasto di fronte, spesso in lacrime, al pm di Venezia Andrea Petroni nel carcere di Verona. "L'amavo, la volevo per me, non accettavo che fosse finita": Così il 21enne avrebbe parlato di Giulia Cecchettin, da lui uccisa a coltellate l'11 novembre. Come aveva già fatto martedì nelle dichiarazioni al gip Benedetta Vitolo, ha ribadito di voler "pagare e scontare tutta la pena per le mie responsabilità". Ha messo a verbale che non si dava pace per la fine della relazione con Giulia, che l'aveva lasciato la scorsa estate, e avrebbe provato in tutti i modi a recuperare quel rapporto. Anche con comportamenti che poi, come confidava la ragazza alle amiche, non erano altro che una violenza psicologica nei suoi confronti. Quella sera di tre settimane fa, nel parcheggio vicino alla casa delle 22enne, di ritorno da un pomeriggio e da una cena al centro commerciale, "mi è scattato qualcosa, ho perso del tutto la testa", avrebbe detto Turetta, difeso dai legali Giovanni Caruso e Monica Cornaviera, cercando di respingere l'ipotesi di una premeditazione del delitto. Lei cercava di aiutarlo da mesi, di stargli vicino, anche se lui di fatto la ricattava con la minaccia del suicidio. In via Aldo Moro Turetta la spinge a terra quando lei è già fuori dall'auto e la colpisce con dei calci.

"Così mi fai male", urla lei chiedendo aiuto. Un primo coltello spezzato sarà trovato a terra. Un vicino di casa dal balcone vede la scena e chiama il 112 quando sono le 23.18, ma nessuna pattuglia interviene sul posto e poco più di dieci minuti dopo la macchina di Turetta ricompare, così indicano le telecamere, nella zona industriale di Fossò, dove avviene la seconda fase dell'aggressione col coltello con una lama da 12 centimetri che sarà recuperato nell'auto del giovane arrestato in Germania. Un coltello che Turetta aveva con sé ma, avrebbe sostenuto lui, non perché aveva pensato di "far del male" all'ex fidanzata. Resta il fatto che lei ha lottato per salvarsi per quasi 30 minuti, tra Vigonovo e Fossò. "Non volevo farlo, non so cosa mi sia preso", ha provato a dire Turetta, "pentito", stando alle sue parole.

Una delle ipotesi al vaglio degli inquirenti, che stanno cercando in queste ore riscontri alle sue risposte, la coltellata fatale all'arteria basilare, nella parte posteriore del collo, il giovane potrebbe averla sferrata all'interno dell'auto a Fossò. In quel "buco" di 10 minuti, tra le 23.40 - quando la ragazza viene "spinta" a terra, sbatte la testa contro un marciapiede e il ragazzo la carica nuovamente dentro l'auto - e le 23.50 quando la Fiat Grande Punto viene inquadrata mentre lascia la zona industriale. Si sta verificando, però, anche se Turetta possa aver sferrato quel fendente mortale proprio mentre inseguiva Giulia che scappava, prima che cadesse a terra. Pare che lui l'abbia sostenuto e che la difesa sul punto potrebbe provare a giocare la carta dell'omicidio preterintenzionale, tentando di affermare che lei era di spalle e che l'azione sarebbe andata oltre le intenzioni. Nette, tuttavia, a riguardo sono le parole del gip: la "volontà" dell'omicidio è "palese" per le "modalità dell'aggressione" che avviene a "più riprese". Intanto, se nel termine di sei mesi dall'arresto saranno completate le indagini, gli inquirenti potranno chiedere il processo con rito immediato e il giudice potrà disporlo anche con eventuali altre aggravanti contestate. Non solo la premeditazione, se venisse riconosciuta, ma anche la "crudeltà" o i "motivi abietti" porterebbero la pena massima all'ergastolo.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza