Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pupi Avati, 'il miglior film è quello che ancora devo fare'

Pupi Avati, 'il miglior film è quello che ancora devo fare'

Con il fratello Antonio al Festival del cinema di Porretta

BOLOGNA, 03 dicembre 2023, 15:29

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I fratelli Avati, Antonio e Pupi, sono stati protagonisti al Festival del Cinema di Porretta Terme, nel suo weekend inaugurale in occasione della proiezione speciale per i 40 anni di 'Una gita scolastica'. "E' uno di quei film rari per un cineasta, un film che viene realizzato in uno stato di grazia in cui tutti sono stati felici a fare il film. È un film che oggi non potrei più rifare, c'è tutto quello stupore che io invecchiando ho perso, girando il film ho provato momenti di vera commozione, ho provato una continua e perenne riconoscenza", ha detto Pupi Avati.
    "Oggi ho una età in cui conosco bene il mio mestiere e so farlo e penso anche bene, ma mi è venuta un pochino a mancare la meraviglia ed è per questo che non rivedo quasi mai i miei film passati. Il film migliore della mia carriera? Spero di non averlo ancora fatto, è il modo in cui affronto e guardo al futuro ed è per questo che domani con mio fratello ci alzeremo presto x andare a Cinecittà x le riprese in corso del nostro ultimo film, è quello che ci fa andare avanti".
    Centinaia di persone hanno assistito alla proiezione e all'incontro, tra cui anche alcuni protagonisti del film che non rivedevano i fratelli Avati da 40 anni, come Davide Celli, Giancarlo Torri e Ginevra Testa.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza