Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Addio a Louise Gluck, Nobel per la letteratura nel 2020

Addio a Louise Gluck, Nobel per la letteratura nel 2020

Poetessa americana aveva 80 anni; tra i premi anche un Pulitzer

NEW YORK, 14 ottobre 2023, 08:44

di Alessandra Baldini

ANSACheck

++ Addio alla poetessa americana Louise Gluck, Nobel nel 2020 ++ © ANSA/EPA

++ Addio alla poetessa americana Louise Gluck, Nobel nel 2020 ++ © ANSA/EPA
++ Addio alla poetessa americana Louise Gluck, Nobel nel 2020 ++ © ANSA/EPA

Folgorata dalla poesia fin da bambina, quando si inventò un concorso per premiare la più bella poesia del mondo, premio che poi nel 2020 i giurati del Nobel attribuirono a lei: Louise Gluck, l'americana insignita tre anni fa del massimo riconoscimento mondiale per la letteratura dopo aver collezionato per il suo lavoro un Pulizter e un National Book Award, è morta a 80 anni di cancro nella sua casa di Cambridge in Massachusetts. Ha dato l'annuncio Jonathan Galassi, che aveva curato negli Usa la pubblicazione delle sue opere per la casa editrice Farrar, Straus e Giroux.
    Gluck è stata la sedicesima donna a vincere il Nobel per la letteratura: prima di lei l'ultimo americano premiato era stato Bob Dylan. La prima cosa che aveva pensato, una volta ricevuta la telefonata del premio da Stoccolma - con relativo assegno da dieci milioni di corone svedesi, l'equivalente di poco piu' di un milione di dollari, era stata: "Potrò comprarmi una casa in Vermont". L'altro pensiero era stato "come preservare la vita quotidiana delle persone che amo". E sempre a caldo la poetessa, che nelle sue creazioni letterarie aveva esplorato i temi del trauma e della perdita, della famiglia e della solitudine, aveva pensato: "Non avro' piu' amici. Quasi tutti sono scrittori".
    Poi, alla richiesta di cosa suggerire di leggere a chi non era familiare con la sua opera, aveva consigliato "di non partire dal suo primo libro" (Firstborn del 1968) e partire magari con Averno, la raccolta basata sul rapporto madre-figlia con il mito di Demetra e Persefone di sfondo pubblicata nel 2006 negli Usa e in Italia nel 2019 dalla casa editrice e libreria di Napoli Dante & Descartes, o con Faithful and Virtuous Night del 2014.
    Dopo il Nobel, i suoi 12 volumi di poesie sono stati acquistati dal Saggiatore.
    Gluck, che l'anno scorso era stata insignita in Italia del premio Lerici Pea, era nata a New York. Il Vermont aveva preso però un posto speciale nel suo cuore: fu li', dopo aver cominciato a insegnare al Goddard College, che Louise supero' un lungo "blocco dello scrittore" e che produsse la sua seconda raccolta di poesie, The House on Marshland, pubblicata nel 1975 e applaudita dalla critica. A Goddard Louise aveva anche conosciuto il secondo marito, lo scrittore John Dranow, padre dell'unico figlio Noah, da cui aveva pero' divorziato negli anni Novanta.
    Tra le altre opere, il personalissimo Ararat, che traeva le origini dal dolore provato per la morte del padre. Poeta laureato negli Usa (la carica federale che che viene assegnata a insigni letterati con il mandato di promuovere la poesia) nel 2003 e 2004, Luise Gluck divideva il suo tempo tra Yale, dove insegnava, Montpelier nel Vermont, Cambridge e la California: l'anno scorso era stata chiamata da Stanford nel Dipartimento di creative writing. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza