Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Boston il Singer Sargent stilista di moda

A Boston il Singer Sargent stilista di moda

Come i ritrattista di Madame X vestiva i suoi soggetti

NEW YORK, 11 novembre 2023, 17:12

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

John Singer Sargent non fu soltanto un grande ritrattista capace di 'sfondare' la tela portando alla ribalta la personalita' dei suoi soggetti: fiorentino di nascita (ma i genitori erano americani), il pittore di Madame X aveva l'abitudine di vestire a suo modo le personalita' al centro dei suoi quadri, come fanno oggi gli stylist.
    'Fashioned by Sargent', fino al 15 gennaio al Museo of Fine Arts di Boston e poi da febbraio alla Tate di Londra, racconta questa storia puntando i riflettori sulle liberta' che il ritrattista, soprannominato da Auguste Rodin il "van Dyck del nostro tempo", si concesse per far emergere posizione sociale, professioni, identita' di genere e nazionalita' degli individui al centro del quadro: "Non diceva loro soltanto dove sedersi e cosa mettere sullo sfondo, o magari come tenere le mani.
    Imponeva anche come vestirsi", spiega la curatrice Erica Hirshler.
    In mostra sono circa 50 quadri commissionati all'artista morto nel 1925: tra questi un ritratto di John Rockefeller del 2017 che scontento' il figlio del miliardario secondo cui la posa paterna non era all'altezza della sua importanza. Sargent fece sedere il fondatore di Standard Oil su una modesta sedia Windsor, addosso gli abiti semplici e informali di "un Vecchio Gentiluomo" piu' simile "a un santo medievale" che al fondatore della piu' importante societa' petrolifera del tempo. All'epoca uno degli uomini più ricchi del mondo, Rockefeller era anche un gigante della filantropia e con la sua fondazione aveva donato scorte mediche e umanitarie all'Europa negli anni bui della Seconda Guerra mondiale. In aggiunta a icone di stile come Madame X del Metropolitan che tanto scandalo fece quando fu esposto per la prima volta a Parigi e Lady Agnew of Lochnaw (National Galleries of Scotland), bellissima ma dalla malferma salute che fu ritratta in sole sei sedute nel 1892 mentre si riprendeva da una grave influenza, altri prestiti importanti includono Lady Sassoon (Aline de Rotschild) e il suo mantello di taffetta' nero per l'opera, entrambi da collezioni private e La Carmencita ( Carmen Dauset Moreno) del Musee d'Orsay esposto per la prima volta accanto al costume di satin giallo da ballerina.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza