Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Lo Stato spende 5 Pnrr ogni anno tra pensioni e sanità

Lo Stato spende 5 Pnrr ogni anno tra pensioni e sanità

VENEZIA, 02 dicembre 2023, 13:56

Redazione ANSA

ANSACheck

Tra pensioni, stipendi, consumi intermedi, sanità, assistenza, etc., ogni anno il nostro Paese, secondo la Cgia, registra una spesa pubblica superiore di oltre cinque volte il Pnrr; nel 2023 le uscite dello Stato supereranno, in termini assoluti, di mille miliardi di euro 194 miliardi del Pnrr. Ma - dice l'associazione di artigiani e piccole imprese di Mestre - a differenza del Pnrr - non c'è la stessa attenzione su come vengono spese queste risorse pubbliche.
    "Nella spesa corrente, spesso si annidano sprechi, sperperi e inefficienze che nessuno riesce a sradicare; le politiche di spending review realizzate in questi ultimi 10 anni, infatti, sono state un autentico fallimento" afferma l'associazione sottolineando che la spesa corrente "incide, al netto degli interessi sul debito, attorno al 90 per cento circa della spesa totale".
    "La voce più onerosa è riconducibile alle pensioni che ci "costano" 317,5 miliardi di euro. Seguono le uscite ascrivibili al personale pubblico con 188,7 miliardi, i consumi intermedi con 170,8 miliardi, la sanità con 134,7 miliardi e l'assistenza e le misure di sostegno al reddito con 106,5 miliardi.
    Quest'anno il costo per ripagare il debito ammonta a 78,4 miliardi di euro".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza