Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Femminicidi, YouTrend: nei sondaggi cresce la percezione della loro gravità

Femminicidi, YouTrend: nei sondaggi cresce la percezione della loro gravità

ROMA, 29 novembre 2023, 17:15

Redazione ANSA

ANSACheck

Sondaggio Youtrend - RIPRODUZIONE RISERVATA

Sondaggio Youtrend - RIPRODUZIONE RISERVATA
Sondaggio Youtrend - RIPRODUZIONE RISERVATA

Per il 58% degli italiani il femminicidio è un reato più grave dell’omicidio comune, secondo un sondaggio di Quorum/YouTrend realizzato per Sky TG24 nei giorni successivi all’uccisione di Giulia Cecchettin. Un dato che indica una maggiore percezione della gravità del femminicidio rispetto a due mesi fa, quando alla medesima domanda rispondeva così il 46% degli intervistati (+12% in due mesi).

Il sondaggio Quorum/YouTrend rileva inoltre che l’insegnamento della parità di genere nelle scuole è ritenuto il miglior modo di agire per contrastare il fenomeno del femminicidio. Rispetto al mese di settembre, l’opzione di rendere più semplice e sicuro per le donne denunciare cala di 7 punti percentuali, attestandosi ora al 19%.

Rimane invece quotato l’approccio dell’inasprimento delle pene, con il 21% che supporta questa opzione.

Nell’attribuire una parziale responsabilità a tutti gli uomini concorda la maggioranza delle donne (65%), mentre gli uomini si spaccano. Il 51% non concorda con l’affermazione, mentre il 45% sì. L’importanza attribuita all’educazione scolastica trova riscontro anche nell’approvazione per l’iniziativa dei ministri Valditara, Roccella e Sangiuliano di istituire un'ora di "educazione alle relazioni". Il 79% è favorevole alla proposta, solamente il 10% si dichiara contrario.

Tuttavia, interrogati sull’efficacia, gli italiani si spaccano. Questo provvedimento è ritenuto efficace solamente dal 47%, mentre per il 39% sarà inefficace. Per il 45% degli italiani i media italiani danno la corretta importanza alla violenza di genere e ai femminicidi, mentre per il 30% non dà abbastanza importanza al problema. A pensare che i media sottovalutino il problema sono soprattutto le donne (33%) e i giovani (35%).

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza