Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nba: Popovich in pieno match chiede stop fischi ai suoi tifosi

Nba: Popovich in pieno match chiede stop fischi ai suoi tifosi

Coach degli Spurs prende il microfono in difesa dell'ex Leonard

ROMA, 23 novembre 2023, 18:23

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Solo un guru del basket come Gregg Popovich poteva permetterselo, interrompere un match di Nba per bacchettare i propri tifosi per un comportamento che riteneva antisportivo, e il coach dei San Antonio Spurs non ci ha pensato un attimo ad agire, prendendo un microfono per dire queste parole: "Scusatemi un secondo: possiamo smettere di fischiare e lasciamo giocare questi ragazzi? Abbiate un po' di classe. Noi non siamo così, smettetela". Il motivo della sua rabbia erano i fischi e i 'buu' rivolti dai tifosi di casa all'ex di turno, Kawhi Leonard, mentre effettuava dei tiri liberi per i suoi Los Angeles Clippers. Popovich ha 'costretto' Leonard a interrompere la serie dei tiri, ma il suo intervento improvvisato gli avrà fatto piacere, anche se in verità i tifosi maleducati si sono zittiti solo per un po', per poi ricominciare a beccare il traditore. Leonard ha iniziato la sua carriera con San Antonio e nel 2014 è stato tra i protagonisti della vittoria del titolo Nba. Nel 2018, però, arrivò un burrascoso divorzio che ancora non gli è stato perdonato. "Chiunque sappia qualcosa di sport sa che non bisogna stuzzicare l'orso", ha detto Popovich a fine gara, come per spiegarsi, e in effetti aveva ragione, dato che Leonard ha segnato 26 punti e i Clippers hanno vinto 109-102, infliggendo ai texani la decima sconfitta consecutiva.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza