Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Spalletti cittadino di Napoli: 'Ora sono uno scugnizzo' 

Spalletti cittadino di Napoli: 'Ora sono uno scugnizzo' 

Cerimonia con Manfredi, De Laurentiis e l'abbraccio della città 

NAPOLI, 07 dicembre 2023, 21:40

Redazione ANSA

ANSACheck
Spalletti cittadino di Napoli:  'Ora sono uno scugnizzo ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

Luciano Spalletti cittadino onorario di Napoli e, come dice lui, da adesso "official scugnizzo". Sprizza entusiasmo il ct della Nazionale nel giorno in cui il Comune di Napoli, al Maschio Angioino, gli attribuisce la cittadinanza. "Non ho ancora preso casa in città, però è una cosa che può succedere anche perché da questo momento sono un vero scugnizzo", dice il tecnico nato e residente a Certaldo, in provincia di Firenze, che ha vinto il primo scudetto italiano della sua carriera lo scorso anno sulla panchina degli azzurri, in una città impazzita di gioia per il terzo titolo dopo i due dell'era Maradona.

Video Spalletti riceve la cittadinanza onoraria di Napoli: 'Da oggi scugnizzo, forte legame con voi'

 

"La cittadinanza di Napoli - ha detto Spalletti - ha un significato enorme, che veramente mi riempie di soddisfazione, di  gioia, di felicità. Perché qui non si tratta solo dei risultati sportivi, ma del legame tra me e i napoletani, che è una cosa magnifica". Tanti i partenopei che hanno salutato e celebrato in strada il tecnico al momento del suo arrivo al Maschio Angioino, in una città che lo adora, come dimostrano i due sposi appena diventati marito e moglie al castello e che sono entrati in sala Baroni per fare una foto con il nuovo ct della nazionale appena diventato napoletano.

Video Spalletti: 'Ho lasciato il Napoli per preservare la bellezza'

 

"Credo che questa cittadinanza di Napoli a Spalletti - dice il sindaco Gaetano Manfredi prima di consegnargli la certificazione - sia il giusto riconoscimento a un grande personaggio che ha dato tanto alla città e che ha amato tanto Napoli, ma che è anche molto amato. E' una giornata di festa, di riconoscimento del lavoro fatto, ma anche di augurio di un futuro molto positivo in primo luogo per il Napoli, ma anche per la nazionale di cui oggi Luciano Spalletti è l'allenatore". La cerimonia si è svolta secondo il cerimoniale, ma poi è proseguita fuori dagli schemi, con Spalletti conteso per i selfie dalle autorità, dai tifosi, fino ai guardiani del castello. Un bagno di folla che dimostra l'amore totale della città nei confronti del tecnico, che prova a spiegare quanto il suo Napoli sia stato diverso, ma ugualmente vincente, rispetto a quello di Maradona, l'ultimo uomo del calcio cui Napoli ha conferito la cittadinanza onoraria.

Video Napoli, Spalletti si congratula con una coppia di sposi

 

 "La cittadinanza - dice Spalletti - la ebbe Diego, ma non facciamo paragoni di questo livello, non li reggo. Io ho avuto calciatori che hanno mostrato che lavorando tutti insieme, e anche insieme alla città, si può raggiungere il livello del numero uno del mondo". Presente alla cerimonia anche il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Lui e l'ex allenatore stanno mettendo da parte le tensioni che ci sono state nell'ultimo anno edoggi si abbracciano sul palco del castello di Napoli. "Perché ho lasciato la panchina? E' una cosa che è dispiaciuta anche a me - osserva Spalletti -, però volevo preservare questa bellezza che avevo nel cuore e non rimetterla subito in discussione: è una roba che nessuno può capire se non la prova direttamente come l'ho provata io. La presenza oggi di De Laurentiis mi fa piacere perché lo scudetto è stato determinato dal lavoro di tutti insieme. Questa compattezza di città, calciatori e di tutti quelli che hanno lavorato nel Napoli ha portato la bellezza che oggi tutti ricordiamo. E' il modo di fare che ci ha portato allo scudetto".

Video De Laurentiis: 'Lo scudetto del Napoli sara' un'esperienza ripetibile'

 

Un grande traguardo che De Laurentiis ha vissuto con orgoglio: "Vi prometto - ha detto - che lo scudetto sarà un'esperienza ripetibile. Non si può vincere ogni anno senza imbrogli. Anche se non cambi i giocatori, gli stessi non rispondono sempre allo stesso modo in campo, per appagamento, frustrazione, ma anche per il rinforzo delle altre squadre. E nella vittoria conta anche un grande comandante come Luciano, che da oggi è partenopeo e quindi possiamo chiedergli consulenze". Una battuta che porta Spalletti e De Laurentiis a ridere insieme.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza