Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pulizie uffici postali, sciopero in provincia di Perugia

Pulizie uffici postali, sciopero in provincia di Perugia

La protesta dei lavoratori proseguirà per tutta la settimana

PERUGIA, 26 febbraio 2024, 14:30

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una settimana in sciopero: le lavoratrici e i lavoratori in appalto che svolgono le pulizie degli uffici di Poste Italiane in tutta la provincia di Perugia si fermano per chiedere il "rispetto dei contratti e della legalità" e il "riconoscimento della propria dignità".
    Lo fanno per un'intera settimana, da oggi, lunedì 26 febbraio, fino al 2 marzo, perché "la situazione è ormai insostenibile", come ha spiegato in una conferenza stampa Marta Melelli, segretaria della Filcams Cgil di Perugia, il sindacato che sta accompagnando le lavoratrici nella vertenza. "Parliamo soprattutto di donne - ha spiegato Melelli - che hanno un monte orario già molto ridotto, le più fortunate arrivano a fare 16 ore alla settimana. Questo si traduce in buste paga, misere, da 300-400 euro al mese. E ora la ditta che gestisce il servizio in appalto per Poste, ha addirittura tagliato in maniera unilaterale e illegittima i tempi di lavoro".
    "Se prima per pulire un ufficio avevamo due ore, ora dobbiamo farlo nella metà del tempo, ma le metrature sono le stesse - hanno raccontato le lavoratrici intervenute alla conferenza stampa -. In più ci hanno tagliato drasticamente i rimborsi chilometrici per gli spostamenti da un ufficio all'altro. Ma con la benzina a 2 euro e il costo della vita che è cresciuto a dismisura, come dovremmo riuscire a tirare avanti?".
    A tutto questo, denuncia ancora il sindacato in una nota, si aggiungono "un uso improprio di permessi e ferie, ordini di servizio non contrattualizzati, ore supplementari e tragitti non pagati, diritti e limitazioni di legge non rispettati". Non a caso ci sono anche tre vertenze individuali aperte e seguite dall'ufficio preposto della Cgil di Perugia, come ha spiegato Eros Cozzari, responsabile del servizio. "Eppure, mentre la ditta accampa le scuse più varie per le decurtazioni e i tagli effettuati - ha concluso Melelli - Poste Italiane continua a restare in silenzio e non risponde alle nostre sollecitazioni".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza