Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sindacati contro la Regione Lazio, colpo di mano sulla scuola

Sindacati contro la Regione Lazio, colpo di mano sulla scuola

'Dimensionamento da soft diventa strong, via 37 autonomie'

ROMA, 02 dicembre 2023, 17:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"La Giunta Regionale ha emanato la proposta di modifica di Deliberazione concernente le "Linee guida della Regione Lazio sulla programmazione della rete scolastica anno scolastico 2024/25".
    La Regione Lazio con la nuova proposta cambia improvvidamente le Linee guida già deliberate, imponendo il taglio immediato di 37 autonomie scolastiche, sferrando quindi un grave attacco alla rete scolastica regionale, danneggiando fortemente l'offerta formativa e l'assetto organizzativo delle istituzioni scolastiche con ripercussioni negative sui lavoratori e lavoratrici, studentesse e studenti, nonché sulle famiglie". A dirlo sono tutti i maggiori sindacati della scuola, Cgil, Cisl, Uil, Gilda, Snals e Anief, con una nota congiunta.
    "Dunque la Regione, con la scusa dell'adempimento successivo alle indicazioni della Consulta e del MIM, intende mettere in atto tale drastica riduzione delle autonomie scolastiche, senza il ben che minimo percorso di coinvolgimento delle comunità educanti e dei territori e sconfessando sé stessa rispetto a quanto annunciato nell'ultimo incontro ed a quanto già deliberato.
    Un dimensionamento che da "soft" è diventato "very strong" in totale spregio dell'esigenza di investimento che la rete scolastica nel Lazio necessiterebbe da parte delle istituzioni a tutti i livelli.
    Inoltre la Regione Lazio salta il fondamentale passaggio del consueto e necessario confronto democratico con le parti sociali e gli Enti che rappresentano i territori", proseguono i sindacati.
    I quali, a seguito di questa che considerano una "gravissima decisione, chiedono il ritiro delle modifiche da apportare alle Linee guida già deliberate dalla Regione Lazio e di limitare le operazioni di dimensionamento per l'a.s. 2024-25 alle sole proposte già pervenute dai singoli territori. Inoltre invitano le comunità educanti e le istituzioni locali ad opporsi a detto provvedimento, riservandosi ogni ulteriore iniziativa a difesa del sistema scolastico laziale".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza