Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Compie 101 anni, fondò una delle prime case protette in Italia

Compie 101 anni, fondò una delle prime case protette in Italia

"Meno male che si parla delle donne, è tempo che sia così"

BOLZANO, 16 dicembre 2023, 10:47

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ha attraversato il "secolo breve".
    Ha conosciuto l'inverno delle guerre e delle sopraffazioni autoritarie del '900 e ha preso parte alle aspettative di libertà e di autonomia per tutti. Poi, oltre trent'anni fa, è stata parte attiva nella creazione della prima casa protetta per donne d'Italia, realizzata a Bolzano, anche grazie all'allora decano, il canonico Josef Rier, che mise a disposizione un immobile della curia. Oggi Martha Ebner, 101 anni - presidente onoraria della casa editrice Athesia - ricorda con affetto quel periodo: "È stato circa 35 anni fa. Fu un'esperienza molto bella. Meno male che adesso si parla più delle donne, è tempo che sia così", ha commentato a margine della cerimonia in cui le è stato consegnato il riconoscimento di "cittadina dell'anno" a Bolzano.
    Tra le socie fondatrici dell'associazione 'Frauen helfen Frauen', Martha Ebner tutt'ora collabora con l'associazione per sostenere e aiutare donne in difficoltà e risulta inoltre tra le socie fondatrici della Südtiroler Krebshilfe, la lega contro i tumori dell'Alto Adige. C'è poi la carriera di direttrice, da quasi 50 anni, di una rivista in lingua tedesca, il bimensile 'Die Frau' (La donna), che Martha Ebner dirige tutt'oggi, probabilmente un record a livello mondiale. Accanto la militanza nella Svp: gli Ebner sono 'Dableiber', cioè quelli che durante l'opzione del 1939 si rifiutano di lasciare la patria per essere trasferiti in Germania o in Austria. Sono la minoranza dei sudtirolesi con appena il 15 per cento. Ma saranno proprio loro a essere fondamentali nella formazione di un partito politico unico, la Svp appunto, che nell'immediato dopoguerra si costituisce per rappresentare gli interessi di tutta la popolazione di lingua tedesca e ladina.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza