Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Buvette di Eva, nuova vita per 4 donne vittime di violenza

Buvette di Eva, nuova vita per 4 donne vittime di violenza

Ora impiegate in punto di ristoro di teatro a Napoli

NAPOLI, 19 dicembre 2023, 14:59

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Si sono lasciate alle spalle storie di maltrattamenti e, dopo un percorso di uscita dalla violenza, adesso sono impegnate a gestire La Buvette di Eva, punto di ristoro nel Teatro Mercadante e, da ieri, anche nel Teatro San Ferdinando, a Napoli.
    Dunque, dopo l'apertura lo scorso anno della caffetteria al Mercadante, ecco un secondo punto ristoro inaugurato ieri sera: La Buvette di Eva voluta dalla cooperativa sociale Eva che nasce nel 1999 con l'obiettivo di prevenire e contrastare la violenza maschile contro le donne anche con campagne informative rivolte a scuole e istituzioni. La cooperativa Eva segue donne nei cinque centri antiviolenza nelle province di Caserta, Benevento e Napoli e le tre case rifugio che accolgono quelle che hanno bisogno di protezione e vittime di tratta.
    Al San Ferdinando ora lavorano quattro donne che hanno la possibilità di guadagnare e ricominciare una nuova vita, dopo le sofferenze del passato offrendo nel teatro napoletano, come già al Mercadante, cibi e bevande agli ospiti. L'iniziativa è stata organizzata in collaborazione con il Teatro di Napoli-Teatro Nazionale e con la Fondazione Una Nessuna Centomila e l'espansione del progetto è stata resa possibile grazie al sostegno della Fondazione Con il Sud attraverso il progetto Rose-Reti per l'Occupazione, la Salute e l'Empowerment.
    "Le donne devono uscire dalla violenza attraverso la riconquista delle proprie abilità, delle proprie risorse e dell'autostima", ha detto Daniela Santarpia, presidente della cooperativa Eva. "Sono donne con background diversi: alcune con storie di violenza fisica ed economica molto forti, altre con storie di violenza psicologica. E adesso, attraverso il lavoro, rinascono".
    La serata inaugurale ha visto, tra gli altri, la presenza di Lella Palladino, socia fondatrice della cooperativa Eva nel 1999 e vice presidente della Fondazione Una Nessuna Centomila, la vice presidente vicaria del Teatro di Napoli-Teatro Nazionale Stefania Brancaccio, la senatrice Valeria Valente, già presidente della commissione d'inchiesta contro il femminicidio nella scorsa legislatura. Testimonial Cristina Donadio, Lucariello, Giovanna Sannino e Gaetano Migliaccio.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza