Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Detenuti diventano sarti e cuciono il saio francescano

Detenuti diventano sarti e cuciono il saio francescano

Nella Casa di Reclusione dove c'è già un ostificio nel Modenese

MODENA, 23 ottobre 2023, 15:51

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I detenuti diventano sarti e cuciono il classico saio francescano per i frati. L'iniziativa della cooperativa sociale 'Giorni Nuovi' di Modena (aderente a Confcooperative Terre d'Emilia) porta alla Casa di Reclusione di Castelfranco Emilia, appunto nel Modenese, la stessa struttura dove da tre anni e mezzo è in funzione un 'ostificio', ovvero una 'fabbrica' delle ostie. A raccontare l'esperienza è la stessa Confcooperative: "Un detenuto originario del Gambia, che nel suo paese aveva imparato il mestiere di sarto, confeziona il saio francescano in collaborazione con due sarte volontarie - spiega il presidente di Giorni Nuovi Francesco Pagano - Il tessuto lo compriamo a Modena e Carpi, i clienti invece sono frati di vari conventi italiani. L'idea di produrre il saio ci è stata suggerita dal cappellano della Casa di reclusione di Castelfranco, che è un frate francescano". Presto sempre nella Casa di Reclusione di Castelfranco Emilia saranno realizzati anche tuniche per la prima comunione e per i diaconi.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza