Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nel carcere di Salerno detenuto incontra il suo cane

Nel carcere di Salerno detenuto incontra il suo cane

Sappe, 'bene la pet therapy ma priorità sono altre'

NAPOLI, 08 novembre 2023, 14:15

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un cane ha potuto per qualche ora incontrare il suo padrone, un detenuto del carcere di Salerno.
    Tre ore nell'area verde dell'istituto penitenziario che, però, hanno suscitato le critiche del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria.
    "Mi stupisce la priorità che è stata data a questa richiesta in un carcere con molte criticità come quello di Salerno - dice Tiziana Guacci, segretario regionale per la Campania del Sappe - Non discuto il rapporto che si crea tra un padrone e il proprio cane ma spero che la sensibilità dimostrata dalla Direzione a questa richiesta venga riservata anche agli interventi legati alla sicurezza e all'ordine interno del carcere". Cane e detenuto si sono potuti incontrare nell'area verde, "tre ore per l'esattezza", evidenzia il segretario provinciale del Sindacato, Giuliano Verdino, "e per far fare l'incontro il comandante di Reparto ha ritenuto opportuno togliere un Agente dal suo abituale posto di servizio, l'ufficio comando, già in carenza di personale".
    "Nulla da dire sulla cosa in sé, sulla pet therapy, anche alla luce del rapporto che si crea tra padrone e compagno a quattro zampe - ribadiscono ancora i sindacalisti del Sappe - ma certo stupisce la priorità che ne è stata data in un carcere con molte criticità: ne ha la consapevolezza il comandante di Reparto? A nostro avviso no". "Il carcere di Salerno è in sovraffollamento costante: ci sono circa 370 posti letto regolamentari, ma i detenuti arrivano a essere sistematicamente oltre 500, 520 per l'esattezza il 31 ottobre scorso", una situazione a rischio secondo il segretario generale del Sappe, Donato Capece.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza