Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Le due vite del fabbricante di armi, Fontana si racconta

Le due vite del fabbricante di armi, Fontana si racconta

Don Tonino Bello e Madre Teresa sulla sua via di conversione

ROMA, 26 ottobre 2023, 14:43

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ci sono delle persone che possono cambiare la vita: don Tonino Bello, Gino Strada, madre Teresa di Calcutta, anche se quest'ultima appare solo in sogno. Sono loro le persone che direttamente e indirettamente segnano la storia di Vito Alfieri Fontana che da fabbricante di armi si trasforma in sminatore. Ma prima di tutti era stata la voce di suo figlio, otto anni. Un giorno si fa spiegare dal papà quale lavoro faccia. "Allora tu sei un assassino, papà", commenta il piccolo.
    Poi, come pentendosi immediatamente delle sue parole, gli chiede: "Ho capito che le armi le possono produrre tutti, ma perché devi farlo proprio tu?". E' qui che si apre la prima crepa.
    La storia dei Fontana, la famiglia che ha creato la Tecnovar, un fiore all'occhiello dell'industria bellica italiana, e soprattutto della conversione, è raccontata dallo stesso protagonista nel libro "Ero l'uomo della guerra" (Editori Laterza) scritto con Antonio Sanfrancesco, giornalista di Famiglia Cristiana.
    Il libro intreccia la storia della famiglia Fontana, e della loro azienda di Bari, con quella dell'Italia che passa dal boom economico alle varie fasi, compreso il terrorismo. C'è la politica di quei decenni ma anche proprio gli italiani con le loro canzoni e loro battaglie per un Paese migliore.
    La Tecnovar cresce e vende armi e mine su tutti i conflitti di guerra puntando all'eccellenza del prodotto. Ma con il tempo in Italia si sviluppa una coscienza critica e una vera e propria campagna per combattere la fabbricazione di mine. Nel '93 la Tecnovar chiude. "Il 15 settembre 1999 è la data che segna l'inizio della mia nuova vita. Sono sul volo che mi porta a Pristina", racconta Fontana che diverrà da produttore di mine a sminatore, portando la sua esperienza in Kosovo come prima tappa, per toccare altri Paesi devastati dalla guerra.
    Collaborerà anche con Intersos.
    "Ho progettato, costruito e venduto due milioni e mezzo di mine antiuomo. Ne ho tolte migliaia, per quasi vent'anni, tutte lungo la dorsale minata dei Balcani, dal Kosovo alla Serbia fino alla Bosnia, rimettendo in funzione abitazioni, scuole, fabbriche, terreni agricoli, acquedotti e stazioni ferroviarie.
    In queste cifre si racchiudono, simbolicamente, le due vite che ho vissuto. Dal punto di vista numerico, il bilancio è impari.
    Da quello della mia coscienza pure, perché il male compiuto resta. Per sempre", conclude Fontana.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza