Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Istat, sui social post di indignazione superano quelli violenti

Istat, sui social post di indignazione superano quelli violenti

Il 58% è arrabbiato, 21% triste, 3% sorpreso e l'1% ha paura

ROMA, 23 gennaio 2024, 15:31

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"L'andamento dei post di indignazione è sempre leggermente superiore a quelli di incitamento, volgari, che propagano messaggi di violenza. E se ne distanziano soprattutto nei punti di picco maggiore: cioè quando accade qualcosa che richiama molto l'attenzione la distanza tra indignazione e linguaggio violento aumenta sempre a favore dell'indagnazione. Quindi abbiamo ritenuto importante studiare cosa ci fosse dentro questa indignazione. E' molto importante anche per capire come veicolare i messaggi nell'ambito di comunicazione di massa o di campagne di promozione. Abbiamo visto che all'interno dei messaggi di indignazione avevamo un 58% che esprimevano soprattutto rabbia, un 21% tristezza, 3% sorpresa e soltanto l'1% che esprimeva paura. Quindi se dobbiamo parlare a delle persone che usano i social, anche per contrastare i messaggi di violenza, sappiamo che ci stiamo rivolgendo a persone che sono soprattutto arrabbiate rispetto a quello che succede e poco impaurite". Lo ha detto il direttore centrale dell'Istat per le statistiche demografiche e il censimento della popolazione Saverio Gazzelloni durante l'audizione in Commissione parlamentare di inchiesta sui femminicidi.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza