Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Maturità: studenti confusi, 1 su 7 sbaglia la data d'inizio

Maturità: studenti confusi, 1 su 7 sbaglia la data d'inizio

1 su 2 non conosce la struttura dello scritto di italiano, sondaggio

ROMA, 18 giugno 2023, 16:47

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ad una settimana dal via degli esami di Stato non tutti gli studenti che lo dovranno affrontare quest'anno sono consapevoli delle "regole del gioco".
    Soprattutto per quanto riguarda la struttura e le caratteristiche delle tre prove previste: a forza di cambiare ogni anno il format d'esame, 1 su 2 dimostra di non conoscere la struttura dello scritto di italiano, mentre 1 su 3 crede che la seconda prova verterà su due materie. A segnalare lo scenario è un sondaggio del portale Skuola.net, che a 7 giorni dal via ha intercettato 650 maturandi.
    I dubbi degli studenti iniziano sin dalle "basi" dell'esame.
    Anche le informazioni essenziali non sono alla portata di tutti.
    Infatti, c'è un preoccupante 14% (1 su 7) che di fatto ancora non sa di preciso la data in cui inizierà la Maturità, ovvero il prossimo 21 giugno. E se sull'elaborazione della prima prova i maturandi non nutrono particolari dubbi - 9 su 10 sono al corrente che le tracce verranno preparate dal Mim - riguardo alla struttura dello scritto di italiano c'è ancora molta confusione: solo la metà ne ha saputo riconoscere l'impianto (analisi del testo, testo argomentativo e tema di attualità). Al contrario, circa il 35% - quindi uno studente su tre - crede che tra le tipologie di prova ci sia ancora il tema storico (abolito invece dalla Maturità 2019).
    Passando al secondo step dell'esame di Stato la nebbia si infittisce e i dubbi aumentano. La prova "di indirizzo" è da sempre una spina nel fianco per molti studenti, motivo per cui forse risulta indigesto anche il suo funzionamento. Anche qui, quasi 1 maturando su 5 non sembra allineato sull'inizio dei lavori (fissato per il 22 giugno). Inoltre, appena 2 maturandi su 3 hanno percepito il 'regalo' di Valditara, ossia di incentrare la prova su una sola materia di indirizzo (e non più due come vorrebbe la normativa vigente). Di contro, il 26% è convinto di potersi trovare di fronte a due materie caratterizzanti, mentre secondo il 15% del campione le materie vengono decise dalla commissione in sede d'esame. Il che vuol dire che probabilmente non sono consapevoli nemmeno della materia che è stata scelta dal Mim per la seconda prova di Maturità.
    I maturandi non sembrano aver colto neppure un'altra semplificazione, cioè che il professore della commissione titolare della materia di indirizzo sarà 'interno', e che quindi sarà un docente della loro scuola a correggere lo scritto "di indirizzo". Al contrario, per il 17% sarà un professore esterno a correggerlo, mentre per un altro 16% ciò dipenderebbe addirittura da una scelta del singolo istituto.
    Non mancano perplessità anche per quanto concerne l'ultimo passaggio della Maturità 2023: il colloquio orale.
    L'interrogazione da parte della commissione è un momento topico per i maturandi. Molti studenti, però, dimostrano di non conoscerne né il funzionamento né il suo valore in termini di punteggio. Ad esempio, il 10% non sa che il colloquio inizierà a partire da un materiale - documento, testo, foto, ecc. - presentato dalla commissione, il 4% non si aspetta una valutazione sulle competenze di Educazione civica, mentre il 6% ignora di essere tenuto a relazionare le esperienze svolte in Pcto.
    Per quanto riguarda, infine, il punteggio anche qui qualcuno è rimasto alla precedente edizione dell'esame: solo il 76% ha dimostrato di conoscere il punteggio dell'ultimo step della Maturità 2023: 20 punti. Quasi tutti (l'85%), per fortuna, hanno compreso che la Commissione d'esame sarà "mista", composta da tre docenti interni e tre esterni (con un presidente anch'esso esterno).
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza