Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Inflazione e crisi tagliano i consumi di vino, alcolici e aceti

Inflazione e crisi tagliano i consumi di vino, alcolici e aceti

Nell'export tengono i vini (+0,8%), boom dei drink pre-miscelati

ROMA, 30 novembre 2023, 16:08

Redazione ANSA

ANSACheck

boom dei drink pre-miscelati, lo segnala Osservatorio Federvini - RIPRODUZIONE RISERVATA

boom dei drink pre-miscelati, lo segnala Osservatorio Federvini - RIPRODUZIONE RISERVATA
boom dei drink pre-miscelati, lo segnala Osservatorio Federvini - RIPRODUZIONE RISERVATA

 - Il settore del vino, spirits e aceti è, secondo la presidente Federvini Micaela Pallini, resiliente ma ma pesano le incertezze legate alla limitata crescita del Pil e al trend dell'inflazione. E' quanto emerge dall'analisi dell'Osservatorio Federvini a cura di Nomisma e TradeLab. Per Micaela Pallini, Presidente Federvini "oggi più che mai è il momento di fare sistema di fronte alle sfide internazionali. La posizione dell'Italia in difesa di uno dei suoi settori più rappresentativi dovrà trovare costanza e continuità, non solo a partire dalla discussione sulla proposta di regolamento imballaggi, che torna in agenda il prossimo 18 dicembre al Consiglio Ue, ma anche nel corso di altri processi normativi quali quelli relativi a etichettatura e Qr Code."

Sul fronte delle esportazioni dei vini, l'Italia registra nei primi otto mesi del 2023 una flessione pari allo 0,7% a valore ma una tenuta sul fronte dei volumi (+0,8%). Positivo il trend delle esportazioni in quantità di vini italiani in Francia (+15,5%) mentre flettono gli altri mercati di riferimento quali Stati Uniti (-11,5%), Regno Unito (-1,9%) e Giappone (-16,3%).
    Nota confortante dagli spumanti che crescono in Francia (+24,8%) e Svezia (+20,8%).


    Luci ed ombre per il mondo degli spirits, con una crescita a valore del 5% rispetto al 2022 con un peso complessivo superiore al miliardo di euro, ma con flessioni in volume (-2,4%). Mentre, l'export totale di Grappa che si contrae a volume di oltre il 12%, a fronte di una riduzione a valore del 6%. Quanto agli aceti, l'export nei primi otto mesi dell'anno si riduce in modo particolare negli Stati Uniti, il principale mercato di sbocco (-19% a valore e -28% a volume). A volume si registra una dinamica positiva in Austria (+92%), Regno Unito (+7,5%) e Germania (+2,7%). Per quanto riguarda il valore nei primi nove mesi del 2023, il vino registra un +3,3% sul 2022 per un ammontare superiore ai 2 miliardi di euro. Sul totale delle vendite la categoria dei fermi e frizzanti ricopre la quota più ampia (77%) seguiti dagli spumanti (21,8%) e dal vermouth (0,7%). Positivo il trend di vendita degli spumanti (+6,2% a valori) con la categoria dei fermi e frizzanti che cresce del 2,6% a valore, sostenuta dal gradimento dei vini a marchio Igp (+3,5% a valore) e Dop (+2,7% a valore).


    Segno più per gli spiriti italiani (+2,6%) rispetto allo scorso anno con un valore di circa 900 milioni di euro. Tra le categorie i distillati e le acquaviti rappresentano il 44,9% del totale, seguono liquori dolci (19,8%), aperitivi alcolici (19,1%) e amari (16,3%). Grappa e whisky si attestano tra i prodotti più venduti in Gdo. Quanto ai liquori dolci in testa il limoncello, la sambuca e i liquori cremosi. Spicca la crescita dei prodotti a base d'uovo (+12,5% a valori) e al caffè (+9,9% a valori). Tra gli aperitivi, si evidenzia un vero e proprio boom per gli alcolici pre-miscelati (+25% a valori e +23,8% a volumi).
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza