Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nannì, la tradizione senza tempo della cucina napoletana

Nannì, la tradizione senza tempo della cucina napoletana

Compie otto anni la trattoria della famiglia De Pompeis

NAPOLI, 10 dicembre 2023, 13:22

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Mariano del Preite) Compie otto anni una delle 'scommesse' gastronomiche vinte nel centro di Napoli ben prima dell'esplosione del boom turistico post-covid. Forte di un menu saldamente ancorato alla tradizione, e soprattutto di una cucina realizzata con passione e cura per i dettagli, la Trattoria Nannì - via Tommaso Senise 2-3-4, a pochi passi da via Toledo - ha saputo conquistare non solo un pubblico di clienti ormai affezionati, ma grazie al passaparola è diventata anche meta di vacanzieri italiani e stranieri alla ricerca di autenticità e vocazione del territorio.
    Nel 2015 lo chef Francesco De Pompeis, dopo varie esperienze in Italia e all'estero, decide di aprire un locale dove proporre la sua versione della cucina napoletana. La Trattoria è a gestione assolutamente familiare: ai fornelli collabora con creatività il figlio del patron, Vincenzo, la gestione della sala è nelle mani cordiali ed efficienti dell'altro figlio Gino, e ad aiutare tutti c'è la signora Dora, moglie dello chef e mamma di Gino e Vincenzo. Ne nasce un team molto apprezzato dagli avventori, e così nel giro di poco tempo Nannì riempie i propri tavoli a pranzo e a cena, rendendo consigliabile la prenotazione (www.trattoriananni.eu, 081.19252501).
    Il lockdown e le successive restrizioni legate alla pandemia rappresentano un duro colpo per tutte le attività commerciali, e ovviamente sono quelle mediopiccole a pagare le conseguenze maggiori. Ma i De Pompeis resistono, e appena è possibile riprendono l'attività e ritrovano gli aficionados, fino alle esplosioni di presenze nella Napoli felicemente invasa da persone di tutto il mondo, propiziate dalle quattro stelle e mezza su cinque con cui i clienti recensiscono la trattoria, sia su TripAdvisor che su The Fork.
    L'ambiente è accogliente, la cantina ben fornita (focus ovviamente sulle etichette campane, con un ricarico non eccessivo), a tavola si può puntare con ottimi risultati sia sul menu di terra che su quello di mare, nei quali si trovano piatti fissi/ricorrenti e specialità stagionali, con pasta e dolci fatti esclusivamente in casa. Gino illustra le proposte del giorno, ascoltatelo e non perdete l'assaggio di tre pilastri della cucina made in Naples: gli ziti alla genovese, la pasta e patate con la provola e sua maestà 'o rraù', il ragù. Tra la cremosità della genovese, dove nessun ingrediente predomina sugli altri e la dolcezza della cipolla rivaleggia con la morbidezza dei bocconcini di carne stracotta; l'amalgama della fonduta di provola con la fragranza delle patate; la vellutata carezza al palato del sapiente ragù tradizionale, che riesce ad essere saporito e insieme delicato, rendono la scelta quanto mai ardua. Se ci si muove sul versante di terra, l'esperienza può proseguire con le gustose polpette, la saporita braciola o la sontuosa parmigiana di melenzane. E come contorno, da assaggiare le saporite scarole alla napoletana.
    Se invece si è scelta la cucina di mare, a parte gli ottimamente cucinati primi con vongole o alla pescatora, lo chef propone spesso variazioni sul tema, come gli scialatielli con gamberi e zucchine oppure con seppie e pomodorini o le cortecce zucchine e cozze. Per il secondo c'è ancora l'imbarazzo della scelta: dal baccalà, declinato in più modi dal classico alla moderna 'oliocottura', al pescato freschissimo all'insalata di mare. Da provare assolutamente la frittura di paranza: raro trovarne altre così gustose, croccanti e asciutte.
    Di volta in volta c'è spazio anche per l'innovazione: i ravioli con crema di pistacchio, ricotta e scaglie di provolone del Monaco dop; la frittatina di pasta aglio e olio con impanatura di frutta secca, noci, mandorle e pistacchio; il maialino cotto per oltre trenta ore a bassa temperatura, un trionfo di scioglievole morbidezza accompagnato dalla riduzione in salsa delle verdure che lo hanno insaporito.
    Degna conclusione con i dolci: lo chef prepara babà, crostatina con fragole, cassata siciliana tradizionale o infornata e tante altre specialità fatte in casa. Chi scrive consiglia la sbriciolata: sontuosa crema di ricotta con gocce di cioccolato su un letto di pasta frolla. E a conclusione, perché non assaggiare la fragranza del limoncello di Nannì a bassa temperatura? Il conto è all'insegna del giusto rapporto tra prezzo e qualità, il servizio veloce e cortese senza mai essere invadente. Una ristorazione insieme classica e moderna, che fa rivivere i segreti della cucina di una volta - soprattutto nella scelta degli ingredienti e nelle lavorazioni accurate - per chi voglia provare (o ritrovare) un piacere senza tempo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza